ArtWanderlust. Arte in ogni viaggio

TREKKING LUNGO L'APPIA ANTICA

trekking urbano lungo la via Appia Antica da Santa Maria delle Mole a Roma

La via Appia Antica, nota come la Regina Viarium, è una testimonianza molto importante delle grandi opere di ingegneria del mondo antico. È stata costruita nel 312 a.C. per collegare Roma a Benevento, per poi prolungarsi fino a Brindisi, il porto dal quale partivano le principali rotte commerciali con l’oriente. A partire dal Medioevo la via Appia entra a far parte delle strade di pellegrinaggio che collegavano Roma verso sud e verso la Terra Santa.

I primi 16 km che da Roma attraversano Ciampino e arrivano al comune di Marino, sono quelli meglio conservati e sottoposti a tutela, grazie alla battaglia portata avanti negli anni Ottanta da Antonio Cederna. Alcuni tratti della strada originale sono ancora conservati, ma nel corso dei secoli molti sono stati gli interventi che l’hanno trasformata.

Oggi, oltre ad essere una delle aree verdi principali che dal centro di Roma si sviluppa verso la periferia sud-est, la via Appia Antica permette di fare un viaggio nella storia attraverso ville imperiali e monumenti funebri.

Se preferisci un percorso più breve e meno faticoso ti propongo la passeggiata dalla Villa di Massenzio all’area archeologica di Capo di Bove.

Itinerario

Il nostro trekking lungo la via Appia Antica parte dalla stazione di Santa Maria delle Mole (frazione di Marino) che può essere raggiunta in auto o in treno dalla stazione Termini.

A pochi metri si trova l’accesso all’Appia Antica che percorreremo in direzione Roma centro, per una distanza di circa 13,5 km fino alla piccola chiesa del Domine Quo Vadis. Lungo il percorso parleremo di tradizioni e leggende legate a questa strada e ci fermeremo in più punti per osservare le numerose rilevanze archeologiche, come i mausolei di Casal Rotondo e Cecilia Metella; il Circo di Massenzio; l’area archeologica di Capo di Bove.

Faremo la sosta pranzo lungo la strada. I primi punti ristoro (bagno e caffè) si trovano nella seconda metà del tragitto.

Punti d'incontro

1 – stazione Termini

2 – Stazione di Santa Maria delle Mole

Lunghezza

15,5 km circa

Dislivello

150 metri

Durata massima indicativa

7 ore

Biglietti d'ingresso

Area archeologica Capo di Bove: ingresso gratuito.

È prevista la quota per il servizio guida.

Eventuali biglietti del treno (1,5€) e del trasporto pubblico (1,5€) sono a carico dei partecipanti.

Cosa portare

Pranzo al sacco, crema solare, abbigliamento e scarpe adatti a lunghe camminate, acqua.

Lungo il tragitto sono presenti fontanelle dell’acqua potabile.

Rientro

Alla chiesa del Domine Quo Vadis si trova la fermata dei bus 118 (direzione Circo Massimo, Colosseo, Piazza Venezia) e 218 (direzione San Giovanni – metro A).

Proseguendo a piedi per circa 2 km si raggiunge la stazione della metropolitana Garbatella (metro B).

PER PRENOTARE E CONOSCERE DETTAGLI E TARIFFE

claudia.artwanderlust@gmail.com

oppure lasciami un messaggio

Vai agli articoli del blog se vuoi conoscere qualcosa in più sulla  via Appia Antica