castello di Bracciano visita guidata

ESPERIENZA: ITINERARI NEL LAZIO

TEMPO CONSIGLIATO: 2 ore

INFORMAZIONI: visita totalmente al chiuso, tranne i passaggi nel cortile e nel camminamento di ronda

ACCESSIBILITÀ: all’interno del palazzo sono presenti scale e la visita non è adatta a persone su sedie a rotelle o con ridotta capacità motoria.

CONTATTI: claudia@artwanderlust.com

Servizio prenotabile dal martedì alla domenica. Gruppi fino a 20 persone.

Il Castello di Bracciano sorge maestoso sulle sponde del Lago Sabatino, a nord di Roma.

Costruito alla fine del XV secolo per volontà di Napoleone Orsini, deve il suo splendore soprattutto a due membri della nobile famiglia Orsini: Gentil Virginio e Paolo Giordano. Mentre il primo si occupò di rendere il castello una fortezza militare inespugnabile contro l’esercito del papa Alessandro VI Borgia, Paolo Giordano ingentilì l’edificio, arricchendolo di affreschi e opere d’arte.

Nel cortile del castello vennero strette nel 1553 le trattative di matrimonio tra Paolo Giordano Orsini e Isabella de’ Medici, evento che permise a Bracciano di elevarsi a Ducato, allo stesso livello di Urbino e Ferrara.

Nel 1968 il Castello passò dalla famiglia Orsini agli Odescalchi, che ancora oggi sono proprietari dell’edificio, e qui vivono, in un’area riservata del castello.

Durante la visita non mancheremo di ammirare la splendida vista sul Lago Sabatino dal camminamento di ronda, dal quale la vista spazia verso la vicina chiesa di Santo Stefano, fino al blu profondo del lago.

Nonostante alcuni rifacimenti e restauri ottocenteschi, il Castello conserva ancora l’aspetto rinascimentale. Dalla corte interna passeremo al piano nobile, per scoprire decorazioni, affreschi, la collezione di armature Odescalchi, aneddoti e leggende legati alle due nobili famiglie.

La visita al Castello di Bracciano è l’ideale per chi ama le fortezze storiche e i luoghi fuori dalle grandi città turistiche.

Suggerimento

Non limitarti alla visita al Castello: prima o dopo la visita fai un giro tra i vicoli del borgo fino al Belvedere della Sentinella.

    TORNA ALLA CONSULTAZIONE DEGLI ITINERARI