DISCLAIMER

I contenuti del sito ArtWanderlust.com non possono essere copiati e riprodotti senza autorizzazione espressa dall’autrice stessa. Il sito ArtWanderlust.com non costituisce una testata giornalistica e non ha carattere periodico, pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62/2001.

Musei gratis (o quasi) a Roma

    Musei e siti archeologici di Roma ad ingresso (quasi) gratuito.
    Come ottenere la MicCard dei Musei Civici di Roma e la Mia Appia Card. Le due tessere annuali che permettono ingressi illimitati in alcuni dei principali musei e siti archeologici di Roma.

    Itinerario archeologico a Malta

      Un itinerario archeologico a Malta è un viaggio nella storia e nel mistero di una delle civiltà più antiche al mondo.
      Nonostante le piccole dimensioni dell’arcipelago maltese, questo territorio custodisce numerosi edifici monumentali risalenti al Neolitico. Architetture millenarie, frutto dell’ingegneria umana, ma la cui simbologia e interpretazione non sono ancora definite.
      Partendo dal Museo Archeologico Nazionale a La Valletta, ti porto alla scoperta dei siti megalitici di Tarxien e Hagar Qim, passando per l’ipogeo di Hal Saflieni, il sito di provenienza della Sleeping Lady.

      La Casa d’Arte Futurista di Fortunato Depero a Rovereto

        La Casa d’Arte Futurista di Fortunato Depero a Rovereto è esempio unico al mondo di casa museo fondata da un artista futurista.
        Inserita nel circuito del MuseumPass di Trento e Rovereto, questo museo conserva ancora tutti gli arredi progettati da Fortunato Depero.
        Nato come laboratorio creativo dedicato all’arte, al design e alla pubblicità, venne trasformato dall’artista stesso in museo, ma conserva ancora l’orginale impostazione.

        Street Art a Roma: i quartieri da non perdere

          La street art a Roma si sta affermando sempre di più come strumento di espressione artistica e comunicativa.
          Lo sviluppo maggiore è avvenuto nel corso dell’ultimo decennio, ma le basi si erano poste già in tempi non sospetti. Sulla scia delle altre città europee, anche a Roma la street art nasce come forma espressiva illegale e non riconosciuta dalle istituzioni, per arrivare all’attuale riconoscimento nel sistema dell’arte.
          Dall’Ostiense, al Quadraro, fino al Tufello, ecco una selezione di quartieri della capitale da non perdere nel 2021 se sei appassionato di street art.

          Il Museo delle Mura di Roma

            Il Museo delle Mura di Roma, ad ingresso gratuito, permette di percorrere un tratto delle antiche mura difensive fatte costruire dall’Imperatore Aureliano nel III secolo d.C.
            Si entra dalla porta di San Sebastiano, affacciata sulla via Appia Antica, per accedere non solamente al camminamento di ronda, ma anche ad una bella vista a 360 gradi sulla città, che spazia dalla Basilica di San Giovanni fino ai Castelli Romani.

            Arte Urbana nei Borghi Italiani

              L’arte urbana è diventata ormai a tutti gli effetti uno strumento importante di rigenerazione e riqualificazione delle realtà urbane.
              Allo stesso tempo viene usata sempre più spesso come strumento di valorizzazione dei borghi più piccoli e meno conosciuti, che attraverso la realizzazione di queste opere d’arte a cielo aperto possono godere di una rivalutazione turistica.
              Da nord a sud Italia, molti piccoli borghi hanno investito nella street art avviando progetti e festival che in alcuni casi hanno raggiunto il ventennio di esistenza.

              Il Parco di Scultura di Villa Glori a Roma

                Il Parco di Scultura di Villa Glori è il primo esempio a Roma di giardino pubblico con sculture.
                Nato nel 1997 grazie al progetto “Varcare la Soglia”, è divenuto un allestimento permanente ancora oggi visitabile, seppur non integralmente.
                Un progetto artistico nato per rompere quel limite fondato su pregiudizi, creatosi in seguito all’insediamento nel casale del parco della Casa Famiglia per malati di Aids. Un invito a riflettere sui temi dell’emarginazione e del rifiuto delle diversità.